|

29 – La responsabilità per e dei nuovi automi

1 Leave a comment on paragraph 1 0 Innovazione tecnologica e innovazione giuridica

2 Leave a comment on paragraph 2 0 La tecnologia non è mai neutra. Per questo quando è la sola tecnologia a guidare i processi legislativi i risultati inducono a una frenetica rincorsa al nuovo, senza programmazione sociale. Si innesca così un problema enorme: la condizione sperimentale delle norme e delle leggi. L’uso degli automi, in ogni segmento della nostra vita, renderà evidente questa condizione. Si rende, perciò, improrogabile lo studio dei fenomeni collegati alla robotica, alle complesse responsabilità che introduce, alle leggi che ne devono regolare la progettazione, la diffusione e l’uso.

3 Leave a comment on paragraph 3 0 Modalità di Partecipazione al gruppo

4 Leave a comment on paragraph 4 0 Il progetto è suddiviso in diversi segmenti disciplinari, pertanto il gruppo di lavoro sarà suddiviso in sottogruppi. La partecipazione è aperta a tutti i soci. Ogni socio iscritto al progetto potrà scegliere a quale sottogruppo collaborare. Si prevedono sessioni di lavoro con collegamento a distanza e in presenza fisica. La modalità di iscrizione è semplice: inviare una email al coordinatore pro tempore del gruppo. Sarà organizzato un kick off di partenza nel quale saranno proposte e condivise le modalità di collaborazione operativa.

5 Leave a comment on paragraph 5 0 Definizione e Origine Dell’idea

6 Leave a comment on paragraph 6 0 Il termine automa è usato, per semplificazione, come sinonimo di robot, se possibile con una visione non necessariamente antropomorfa. In realtà si potrebbe estendere il concetto a qualsiasi sistema che agisce sulla base di algoritmi; soprattutto quelli in produzione nei laboratori di intelligenza artificiale.

7 Leave a comment on paragraph 7 0 Nel maggio del 2014 si è concluso un progetto europeo dal titolo: Regulating Emerging Robotic Technologies in Europe: Robotics facing Law and Ethics. I suoi risultati sono esposti nel documento: D6.2 Guidelines on Regulating Robotics, documento reso pubblico attraverso il sito: http://www.robolaw.eu/.

8 Leave a comment on paragraph 8 0 A seguire,  a Maggio 2016, presso la commissione giuridica del Parlamento Europeo è stato presentato un PROGETTO DI RELAZIONE – recante raccomandazioni alla Commissione concernenti norme di diritto civile sulla robotica  – (2015/2103(INL)) – Commissione giuridica – Relatore: Mady Delvaux – (Iniziativa – articolo 46 del regolamento).

9 Leave a comment on paragraph 9 0 Proseguire e rendere operative alcune delle indicazioni emerse sono alcuni degli obiettivi del gruppo di lavoro.

10 Leave a comment on paragraph 10 0 Il caso reale

11 Leave a comment on paragraph 11 0 USA 7 Maggio 2016. Un’autovettura privata di  marca Tesla,  mentre procede con guida automatica si schianta contro un TIR: “il sistema di guida autonoma non avrebbe individuato il fianco bianco del rimorchio, indistinguibile dal cielo luminoso in quella situazione” (La Stampa: http://www.lastampa.it/2016/07/01/motori/tecnologia/tesla-negli-usa-primo-incidente-mortale-causato-dalla-guida-autonoma-pawiF725loK2XdS2AkXuNN/pagina.html”).

12 Leave a comment on paragraph 12 2 E’ l’inizio di una riflessione profonda che si accompagna ad altri casi possibili. In ogni caso, le domande sono: che tipo di responsabilità è associabile a un automa? Chi rende conto? L’utilizzatore? Il produttore? L’assicuratore? Con quali limiti e quali garanzie. Esistono dei risvolti penali? E con quali limiti? Un automa inserito in una protesi che induce ad atteggiamenti o comportamenti lesivi come deve essere legalmente codificato? Un automa che seleziona personale o candidature quali trasparenze deve fornire? [Etc.]

13 Leave a comment on paragraph 13 0 La visione e le relazioni con SGI

14 Leave a comment on paragraph 14 0 Parlare di innovazione e non contemplare la robotica moderna, opportunamente rivista rispetto alla fiction, appare una contraddizione. Per questo si propone un progetto/studio ambizioso che sia all’altezza della sua associazione.

15 Leave a comment on paragraph 15 0 L’argomento era stato già affrontato da Marco Scialdone: Il diritto dei robot: la regolamentazione giuridica dei comportamenti non umani, nel secondo volume de “La rete e il fattore C: Cultura, Complessità e Collaborazione” a cura dei nostri soci Emma Pietrafesa, Flavia Marzano e Tiziana Medici. Era cioè nelle corde di SGI. Si tratta ora di rendere operativo un piano d’azione coordinato.

16 Leave a comment on paragraph 16 0 Lo schema seguente illustra le diverse professionalità richieste al gruppo di lavoro e le domande di ricerca alla base del lavoro proposto:

  • 17 Leave a comment on paragraph 17 0
  • Piano Semiotico: Domanda di ricerca: fin dove un robot può considerarsi  assistente e non sostitutivo dell’uomo? Quale senso nuovo assume il termine responsabilità? Note di approfondimento: Robot per aiutare un umano, Robot per assistere un umano, Robot per sostituire un umano,  Robot che sostituisce parti del corpo di un umano.
  • Piano Giuridico: E’ necessaria una nuova legge? Oppure si potrebbero adattare i codici 2050, 2051 c.c. ?
  • Piano Sociologico: Quale tipo di società sottintende la robotica? E con quali possibili risvolti?
  • Piano Legislativo: Quale tipo di legge dovrebbe esistere.? Dovrebbe introdurre limiti nella progettazione? Nella produzione? Nell’uso a certe categorie di persone? Quale trasparenza deve essere data?
  • Piano Tecnologico:  A che punto siamo in Italia? Che tipo di ricerca svolge l’università ? In quali laboratori e con quali finanziamenti? Quali limiti legali incontra? 
  • Casi Pragmatici di possibile studio: Autovettura Assistita ? Assistenza agli interventi in chirurgia ? Progettazione protesi “algoritmiche” per l’uomo ?

18 Leave a comment on paragraph 18 0 Il gruppo di lavoro avrà il compito di elaborare idee e proposte da portare all’attenzione di diversi enti: legislativi, accademici, produttivi.

19 Leave a comment on paragraph 19 0 Inoltre, data l’ampiezza dei casi e dei segmenti di studio possibili, dopo una prima fase di analisi, attraverso un confronto interno al gruppo, si opereranno insieme le scelte strategiche sui casi di studio da considerare operativi.

20 Leave a comment on paragraph 20 0 Proposta Operativa

21 Leave a comment on paragraph 21 0 Il gruppo di lavoro, a partire dalla rilettura dei documenti prodotti e disponibili nei seguenti siti:

23 Leave a comment on paragraph 23 0 deve estrarre le parti utili all’avvio di un processo di rielaborazione.  Per alcune delle attività, soprattutto quelle di start up, potrebbe avvalersi della collaborazione dei titolari del progetto europeo, in particolare della Prof. Erica Palmerini Project Coordinator – The DIRPOLIS Institute – Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa, Italy. Tale collaborazione deve essere validata da SGI, predisposta e quindi richiesta. Saranno attivate altre collaborazioni, che i partecipanti vorranno sottoporre all’attenzione del gruppo di lavoro, come ad esempio l’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale. Tutte le collaborazioni proposte, prima di essere avviate, saranno sottoposte al vaglio del gruppo guida di SGI.

24 Leave a comment on paragraph 24 0 Si possono individuare obiettivi a breve termine e a medio termine:

25 Leave a comment on paragraph 25 0 Obiettivi a breve termine:

  • 26 Leave a comment on paragraph 26 0
  • Organizzare incontri professionali e seminari con i responsabili del progetto Robot Law (Scuola Universitaria Superiore di Pisa Sant’Anna);
  • Organizzare incontri e seminari con le comunità giuridiche, scientifiche e produttive di riferimento;
  • Evidenziare o eventualmente definire una base etica per l’uso civile della robotica;
  • Raccogliere nuove proposte in un documento da rendere pubblico per un pubblico evento.

27 Leave a comment on paragraph 27 0 Obiettivi medio termine

  • 28 Leave a comment on paragraph 28 0
  • Scrivere un ebook sulle proposte raccolte;
  • Definire un set di norme da proporre al legislatore italiano/europeo;
  • Definire un programma di formazione professionale da proporre alle università e agli ordini professionali;
  • Costruire una base culturale adeguata al tema, provando a impedire che si formi un nuovo digital divide culturale.

29 Leave a comment on paragraph 29 0 Il gruppo di lavoro si muoverà sulle linee di una road map costruita in occasione del suo avvio. Tra gli argomenti a favore del progetto non si deve sottovalutare la possibilità di entrare in contatto con un mondo, produttivo e scientifico, di grande interesse.


30 Leave a comment on paragraph 30 0 Coordinatore: Sebastiano Paolo Lampignano

31 Leave a comment on paragraph 31 0 Partecipanti: Guido d’Ippolito, Nicola Guarino

Page 64

Source: http://assembleasgi2016.crowddreaming.academy/assemblea-straordinaria-novembre-2016/forum/29-la-responsabilita-per-e-dei-nuovi-automi/